Ma che cos’è un prodotto cosmetico??

“Prodotto cosmetico, qualsiasi sostanza o miscela che, deve essere applicata sulle superfici esterne  del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra ,organi genitali esterni) oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo esclusivamente o prevalentemente di pulirli, profumarli, modificare l’aspetto, proteggerli, mantenerli in buono stato o correggere gli odori corporei.“

Questa è la definizione di prodotto cosmetico presente nell’articolo 2 del regolamento europeo 1223/2009.

Il regolamento è entrato in vigore l’11 gennaio 2010, tuttavia, una completa ed effettiva applicazione si è avuta solo a partire dall’11 luglio 2013.

Si è passati da da direttiva del 1976 ad un regolamento con lo scopo di semplificare e snellire la terminologia, rafforzare alcuni elementi del quadro normativo sui cosmetici, cercando quindi di armonizzare le regole all’interno della comunità europea. Ovviamente le categorie di prodotti cosmetici sono state definite da una commissione competente,

Essendo una sostanza o una miscela, brillantini o unghie e ciglia finte non sono dei cosmetici.

Non sono cosmetici sostanze o miscele che, come ad esempio i filler per la riduzione delle rughe, in quanto non si applichino sulla superficie del corpo umano o nel cavo orale.

Non sono cosmetici sostanze o miscele applicate sulla superficie del corpo con finalità diverse da quelle indicate dal Regolamento; in particolare non sono cosmetici tutti i farmaci o dispositivi medici (disinfettanti, repellenti per insetti, ecc.).

Insomma in queste 200 pagine, tranquillamente scaricabili sulla gazzetta ufficiale dell’Unione europea, ritroviamo 40 articoli e 10 allegati. Nei 40 articoli viene indicato in maniera dettagliata elementi quale l’etichettatura, la sperimentazione animale, la persona responsabile della qualità del prodotto immesso sul mercato. L’allegato I riporta la scheda tecnica su come realizzare la relazione sulla sicurezza del prodotto cosmetico. L’allegato due è lunghissimo riporta tutte le sostanze vietate nei prodotti cosmetici. Viene anche riportato un elenco coloranti e conservanti ammessi per la comunità europea, così come una bella classificazione dei filtri solari presenti nell’allegato VI. Non che una simbologia chiara su elementi come il PAO e durata minima del prodotto.

Obiettivo futuro è garantire la sicurezza dei prodotti cosmetici e l’assenza di rischi gravi per il consumatore sono soprattutto attraverso tre strumenti: le disposizioni di legge, i test eseguiti su base assolutamente volontaria dalle industrie cosmetiche e la sorveglianza o cosmetovigilanza.

Insomma ci auspichiamo un futuro più chiaro e pulito e magari anche qualche ingrediente in più tra quelli non ammessi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: