Check-up!!

Il check-up cutaneo è il primo passo, il primo step per una corretta cosmesi.

Lo scopo è quello di valutare le caratteristiche delle nostra pelle per poter formulare la giusta “terapia” cosmetica.

Eh si perchè tutto parte da una corretta scelta, a qualsiasi età è importante conoscere il proprio tipo di pelle per costruire un percorso di bellezza e benessere assolutamente personalizzato. 

In alcuni ambulatori, centri di medicina estetica e farmacie, è possibile trovare una specifica apparecchiatura che rileva pH, sebometria, stato di idratazione, macchie e lentigo solari, desquamazioni, pori, test di sensibilità e reattività, fornendo così una vera e propria carta di identità della pelle, permettendo di conoscere il biotipo e fenotipo. Perchè non è assolutamente detto che ciò che va bene per me va bene anche per te.

Tutti questi dati permettono di creare al meglio una “ricetta” cosmetica completa e personalizzata dalla detersione al make-up. L’obiettivo primario rimane un corretto equilibrio del film idrolipidico, quindi lo scopo attraverso il test è quello di individuare eventuali alterazioni e correggerle attraverso la cosmesi o magari, se necessario qualche aiutino più invasivo come peelling e acido ialuronico.

La prima parte del check-up prevede una serie di domande a scopo diagnostico, utili per scoprire abitudini cosmetiche ma anche alimentari, l’assunzione di eventuali farmaci o patologie. 

Successivamente attraverso l’utilizzo di una luce fredda ultravioletta (di Wood) si esegue una prima ispezione della pelle e segue un esame al tatto. La lampada di Wood permette di evidenziare caretteristiche cromatiche della cute non ben visibili ad occhio nudo come ad esempio in alcuni casi la vitiligie, alcune micosi o anche acne al livello follicolare o più semplicemente cloasma e macchie non visibili in superficie.

Con un approccio strumentale si ottengono  dati di pH, temperatura, sebometria e idratazione. L’equilibrio fisiologico della cute si esprime attraverso lo status del film idro-lipidico, infatti la temperatura ci fornirà condizioni sulla circolazione capillare, il pH ci indica l’acidità, la sebometria ci permette di valutare la quantità di sebo, mentre andando a valutare l’umidità capiamo il grado di idratazione. Ovviamente il tutto viene paragonato con dei valori di riferimento.

Ultimo step valutare reattività (dermografismo) e sensibilità (con acido lattico secondo Ramette).

Attraverso i risultati ottenuti viene messa in atto una vera e propria “ricetta cosmetica” per migliorare prevenire e aggiustare nel tempo i risultati attenuti.

LA GIUSTA VALUTAZIONE DEL BIOTIPO  CUTANEO E’ ALLA BASE DI TUTTO

Ovviamente una visita di medicina estetica ha un prezzo che si aggira dai 70€ ai 100€, girando online ho scoperto che l’uriage (http://www.uriage.com/IT/it/ordonnances), al link appena segnalato, permette di fare con brevi semplici domande una sorta di check-up online.

Kiehl’s, ad esempio, nelle loro boutique prima di consigliare la giusta crema ai propri clienti, fa una piccola valutazione della pelle con domande e l’uso di patches (sebo e idra test) che contengono delle sostanze reattive a sebo e contenuto di acqua.

Qui condivido anche il link dell’ambulatorio della medicina estetica

http://www.lamedicinaestetica.it/ambulatori-di-medicina-estetica/item/1278-la-prima-visita-in-medicina-estetica.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: